INSORTI ALGERINI,

  La lotta che, dall’aprile 2001, state portando avanti contro tutti i dirigenti della società è un esempio per noi e per tutti gli sfruttati. Le vostre sommosse ininterrotte hanno dimostrato che il terrorismo dello Stato e dei gruppi integralisti, alleati da un decennio nel massacrare i poveri a beneficio dei ricchi, non ha piegato la vostra fierezza. Avete capito che di fronte al colera della dittatura militare e alla peste del fondamentalismo islamico, l’unica cosa da scegliere è la rivolta aperta. All’unione di due capitalismi, quello liberale che licenzia in massa e privatizza e quello socialista-burocratico che tortura e assassina, avete risposto con l’unione di una lotta generalizzata.Immaginiamo cosa vuol dire per uno Stato e i suoi poliziotti trovarsi di fronte una massa di rivoltosi i cui striscioni avvertono, come è successo ad Algeri nel giugno del 2001, “Non potete ucciderci, siamo già morti”.Immaginiamo appena, invece, cosa vuol dire una regione di qualche milione di abitanti, come la Cabilia, in cui i gendarmi vivono asserragliati nelle caserme, messi “in quarantena” dalla popolazione insorta, in cui le elezioni sono disertate in massa, le urne elettorali e le sedi dei partiti politici bruciate; in cui i municipi rimangono deserti, sbarrati. I politici che siedono in parlamento con zero voti ottenuti hanno rivelato a tutti la menzogna della democrazia rappresentativa e l’arroganza di un potere sempre più mafioso.Siete riusciti a spezzare i piani di chi voleva dare alla vostra lotta un’immagine particolarista e regionalista.

  Il contenuto universale delle vostre rivendicazioni – come quella del ritiro immediato e non negoziabile della gendarmeria – non è più mascherabile.

  L’autonomia del vostro movimento, organizzato in modo orizzontale negli Aarch (assemblee di villaggio), non può che alleare contro di voi tutti i dirigenti della società algerina e i loro complici degli altri paesi. Una rivolta senza capi e senza partiti non troverà nemmeno i favori dei professionisti della solidarietà internazionale, privati in questo caso di figure carismatiche o sottocomandanti da idealizzare. Avete potuto finora contare solo su di voi. E la repressione incalza, con centinaia di morti, migliaia di feriti e di invalidi a vita, tantissimi dispersi, con la tortura e l’arresto di molti delegati degli Aarch e manifestanti. Con i prigionieri in sciopero della fame e tanti insorti costretti alla clandestinità.

  È ora che la radicalità di quello che avete già fatto trovi altri complici nel mondo, per spezzare l’embargo informativo e la violenza assassina dello Stato. Le pallottole che vi colpiscono sono pagate anche dal governo e dalle industrie italiani, Eni in testa. Le armi che sparano contro le vostre manifestazioni sono spesso di fabbricazione italiana.

COMPAGNI, NON SIETE SOLI.

CHE LA VOSTRA RIVOLTA ESPLODA OVUNQUE.

Alcuni amici degli Aarch

http://digilander.libero.it/asaka/L...

=====

Translations :

(en) ULAC SMAH ULAC – WE WILL HAVE NO MERCY : THE ALGERIAN UPRISING IS ALSO OURS

(fr) ULAC SMAH ULAC - PAS DE PARDON : L’INSURRECTION EN ALGERIE EST AUSSI LA NOTRE


-----
Première republication sur http://cnt-ait.info : venerdì 5 settembre 2003